Castrovillari - Perla del Pollino

Perla del Pollino
Perla del Pollino
Vai ai contenuti
Castrovillari e le sue ricchezze

 
In questi giorni abbiamo parlato di Borghi con un numero contenuto di  abitanti, oggi ,invece vi farò fare una visita guidata virtuale in una cittadina Castrovillari.

 
Le sue origini sono antichissime, ciò è documentato da reperti archeologici del periodo neolitico, ritrovati nelle grotte di Sant’Iorio.
 
La Popilia -Annia attraversava questa cittadina in epoca romana, sicuramente fu veicolo di cultura e civiltà, ma fu anche attraversata da popoli rivoltosi. Numerose popolazioni governarono la cittadina dai Normanni agli Svevi, dagli Angioini agli Aragonesi, sotto il dominio di quest’ultimi, diventati padroni del Regno di Napoli e dell’Italia meridionale ,si costruì il sontuoso Castello Aragonese su ordine di Ferdinando I d’Aragona. La costruzione avvenne sui resti preesistenti di origine normanna.

 
Solitamente i Castelli venivano costruiti per difendere la cittadina o il paese ,ma a Castrovillari venne costruito per tenere a freno gli abitanti rivoltosi. Varie le vicissitudini per la sua costruzione furono iniziati i lavori e poi interrotti ,per mancanza di danaro, nel 1487 lo stesso Re Ferrante ordinò di continuare la costruzione, utilizzando la manodopera degli abitanti del luogo e con i danari confiscati ai ribelli della città.

 
Imponente la costruzione a pianta quadrangolare, con torri cilindriche di cui una costituiva il Mastio,le mura perimetrali maestose con un unico ingresso (quello odierno),sul cui portale troviamo retta da due putti ,una targa marmorea con l’iscrizione latina che ricorda la sua fondazione e lo stemma Aragonese.

 
Vi dico anche che fu purtroppo un posto orribile, nel quale avvenivano torture mostruose ,tanto vero che il grande Cesare Malpica ,nella prima metà del 1800 definì le torri aragonesi il “Cimitero dei Morti Viventi”.
Un giorno lessi una storia a tal proposito dove si raccontava dell’esistenza di un sotterraneo ,dove nemmeno le belve potevano viverci, nel quale venivano gettati i briganti senza aria, cibo e acqua.

 
Dal 1490 al 1995 fu prigione prima e sede di carcere poi.

 
Arrivare oggi a Castrovillari è un impatto visivo sorprendente, si attraversa dapprima Corso Calabria e poi Corso Garibaldi, quest’ultima strada ,grande e comoda fu progettata da architetti francesi all’inizio dell’800, su di essa troviamo dei palazzi sontuosi della borghesia locale. Il palazzo del Municipio (ex convento delle Clarisse),la Chiesa di San Francesco di Paola, palazzo Gallo, palazzo Cappelli, la Chiesetta si Santa Maria delle Grazie con un piccolo orologio maiolicato sul portale d’ingresso, sulla destra l’ex ospedale dei poveri oggi sede dell’Archivio di Stato.

 
Quando di solito parlo di Castrovillari ai miei ospiti, racconto anche del Proto Convento Francescano, che è il primo convento francescano costruito in Calabria ad opera del beato Pietro Catin nel 1222 seguace di San Francesco D’Assisi, oggi centro culturale di grande importanza.

 
Numerosi sono gli edifici religiosi all’interno della zona antica di Castrovillari ,la Basilica di San Giuliano Santo Patrono con la Madonna del Castello.

 
Ora non vi svelo null’altro perché il resto lo scopriremo insieme, nella nostra visita guidata.

Perla del Pollino
- Ufficio Info:  Viale Gaetano Scorza -
- Sede Legale : Contrada Cutura n.2 -
 87016  - Morano Calabro - Cosenza
- P.Iva : 03431710783 -
e-mail : perladelpollino@hotmail.com
Creato da


Privacy Policy
Torna ai contenuti