Oriolo - Perla del Pollino

Perla del Pollino
Perla del Pollino
Vai ai contenuti
UNA PASSEGGIATA IN UNO DEI BORGHI PIU’ BELLI D’ITALIA
 
NELL’ALTO IONIO COSENTINO

 
ORIOLO

 
Percorrendo la statale 106 Ionica, costeggiando le limpide e cristalline acque del Mar Ionio si mostra innanzi ai nostri occhi ,un sontuoso Castello Federiciano “ Castrum Roseti” ,meraviglia, stupore ,immaginazione di un tempo passato di una storia importante, che vide come protagonista l’Imperatore Federico II di Svevia il Stupor Mundi.

 
Questo Castello ancora oggi è un monumento straordinario ,si erge a picco sul mare ,dotato di grandi fortificazioni volute dal grande Imperatore .
Si narra di molte gallerie sotterranee ,usate  come vie di fuga per i castellani, si racconta anche che il grande maniero fu custode per un periodo di tempo della Sacra Sindone, omaggio fatto da Federico Barbarossa al nipote Federico II di Svevia.

 
Continuando il nostro viaggio, arriviamo ad Oriolo piccola cittadina di circa 2000 abitanti ,Bandiera Arancione e Borgo più bello d’Italia. Fu abitato sin dall’antichità.
Fu un centro molto importante in epoca bizantina per la presenza di numerosi notai.
 
Caratteristico il suo centro storico, tipicamente medioevale all’apice del quale troviamo il sontuoso Maniero xv sec. “Castello delle Fiabe” ,sicuramente a mio avviso è uno dei migliori che si conservano nell’alto Ionio. E’ stato un grande presidio militare proprio per la sua ottima posizione, vissero al suo interno Re Ruggero, Carlo d’Angiò, le varie famiglie  di feudatari che si susseguirono nel governare questa comunità. Oggi al suo interno troviamo alcune sale completamente affrescate e una sala delle torture.

 
Passeggiando nel borgo notiamo numerosi palazzi gentilizi del 1600,interessante la Chiesa di San Giorgio nelle vicinanze del Castello, ricca al suo interno di altari lignei ,un tabernacolo di pregevole fattura arricchito con intarsi  in madreperla, statue ,suppellettili.
Sicuramente molto importante il 23/24 aprile la festa patronale di San Giorgio, ancora oggi si addobbano le ringhiere dei balconi con drappi colorati ,si rievocano le grandi parate di un tempo con le guardie armate in costume.
 
Un ripida  discesa nel borgo ci conduce al sontuoso Palazzo Giannettasio sede culturale di grande importanza ,in una sala completamente affrescata troviamo la figura di San Giorgio che uccide il drago è anche sede del Museo della civiltà contadina.
 
Bene ,l’economia si basa sull’agricoltura e gli ottimi prodotti dall’olio agli ortaggi, dal vino ai fichi secchi, vengono utilizzati a km zero nelle cucine del Borgo.
 
Gustosi i piatti tipici da gustare nei ristoranti di Oriolo dopo questa emergenza sanitaria.

 
Vi aspetto in Calabria.
Perla del Pollino
- Ufficio Info:  Viale Gaetano Scorza -
- Sede Legale : Contrada Cutura n.2 -
 87016  - Morano Calabro - Cosenza
- P.Iva : 03431710783 -
e-mail : perladelpollino@hotmail.com
Creato da


Privacy Policy
Torna ai contenuti