Rotonda - Perla del Pollino

Perla del Pollino
Perla del Pollino
Vai ai contenuti
Rotonda


 
Rotonda è sede del più grande Parco d’Italia. Ha una popolazione di 3000 abitanti circa e si trova in provincia di Potenza ,confina con la Calabria, a nord con Viggianello e a sud con  Morano Calabro.

 
Questo piccolo Borgo sorge nella valle del Mercure, nell’antichità, in era quaternaria in questo luogo c’era un grandissimo lago, man mano le acque iniziarono a defluire verso il mare ,ed ecco che si formò questa grande vallata.
 
La zona antica dell’abitato di Rotonda si trovava intorno al Castello, in cima alla collina, oggi del grande e maestoso Maniero rimangono solo pochi ruderi. Dall’alto del colle si gode ancora oggi di una vista panorami meravigliosa. Le origini di questa località gli studiosi, la fanno risalire ad epoca romana ;l’antica Nerulum. Ebbe tanti Signori a capo del suo governo, ognuno ha cercato di lasciare la propria impronta culturale, fu feudo anche dei Principi Sanseverino che la arricchirono ulteriormente.

 
Il fiume Mercure attraversa la vallata rotondese per circa 50 km e quando arriva in Calabria trasforma il suo nome in fiume Lao, oggi molto importante per lo sport acquatico Rafting, sfocia poi nel mar Tirreno.

 
La popolazione è ancora oggi dedita all’agricoltura ,molte sono le culture poste in essere ,da elencare sicuramente l’ottimo fagiolo bianco “poverello”e la melanzana rossa. Rinomato è l’artigianato si producono ceste di vimini,  di grande importanza l’attività dei maestri scalpellini sin dal 1500 con la realizzazione di portali di chiese e di abitazioni civili ,di acquasantiere e di fontane da cui ,ancora oggi sgorga l’acqua limpida e pura di montagna.

 
Eccezionale passeggiare nel centro storico,vi elenco alcuni monumenti importanti da visitare :

 
Monastero di Santa Maria della Consolazione XVI sec; Chiesa del Rosario;Chiesa Madre e la Chiesa di Sant’Antonio.

 
Il 13 giugno di ogni anno abbiamo un appuntamento  a Rotonda la “ Sagra dell’abete”, questa manifestazione porta numerose presenze turistiche nel Borgo.
Un gruppo di uomini si reca in montagna dal 9 di giugno a trovare l’abete da abbattere. L’albero viene ripulito dai rami e giorno 11 giugno inizia la discesa dal bosco trainato da grandi buoi, il tutto si svolge a suon di musica e con grande allegria ,canti ,balli, degustando dell’ottimo vino con i gustosi taralli fatti dalle sapienti mani delle donne Rotondesi .Si fa una sosta durante il tragitto a Pedarreto viene celebrata la Santa Messa .Si riprende l’indomani la discesa verso Rotonda, ad attendere i boscaioli all’ingresso del Borgo la popolazione e l’amministrazione comunale e le varie autorità. L’abete viene portato nella piazza principale e l’indomani issato, rimarrà tale fino all’anno successivo.

 
A pochi metri dalla piazza principale una visita è d’obbligo al Museo di Storia Naturale del Pollino, al suo interno troviamo i resti fossili dell’Elephant Antiquus Italicus ,estremamente interessanti vedere tutti gli altri fossili di pachidermi nelle sale espositive.

 
Adiacente la sede del Parco Nazionale del Pollino andiamo a visitare l’Ecomuseo, struttura interamente realizzato con tecnologia moderna sistemi di touch screen nei vari monitor. Avviene così in maniera immediata l’incontro tra cultura e storia, natura e tecnologia ,subito quindi ci viene raccontato l’intero territorio del Parco.
 
Vi aspetto dunque per farvi conoscere da vicino anche questo borgo.
Perla del Pollino
- Ufficio Info:  Viale Gaetano Scorza -
- Sede Legale : Contrada Cutura n.2 -
 87016  - Morano Calabro - Cosenza
- P.Iva : 03431710783 -
e-mail : perladelpollino@hotmail.com
Creato da


Privacy Policy
Torna ai contenuti