Viggianello - Perla del Pollino

Perla del Pollino
Perla del Pollino
Vai ai contenuti
VIGGIANELLO

Un luogo incantato ,dai colori unici nelle varie stagioni…un paesaggio incantevole…il Paese delle Ginestre nel Parco Nazionale del Pollino.

Un paesino medioevale con poco più di 2500 abitanti nella grande valle del Mercure ,in cima al colle domina il castello “antico castrum” di epoca normanna, edificato sui resti preesistenti di epoca romana.
Origini antichissime le sue.
Voglio raccontarvi una leggenda ,che troverete in quasi  tutte le pubblicazioni su Viggianello “ Transitando in quel luogo meraviglioso nella valle del Mercure ,una regina barbara si chinò per dissetarsi in quelle acque limpide e fresche, fece cadere il suo anello nuziale .Diede subito ordine ai suoi sudditi di ritrovarlo setacciando il fondo del fiume, non fu un impresa molto semplice! Un urlo improvviso “Vidi Anello Regina “,la Regina felice prima di intraprendere il suo cammino battezzo il luogo dandogli il nome di “Vidianello”.

Tanti popoli attraversarono Viggianello e lo dominarono. Ogni volta che visito questo borgo è un tuffo al cuore! Attraverso i suoi vicoli guardando i sontuosi palazzi gentilizi di un tempo, i portali in pietra, le fontane monumentali ,i battenti in ferro e in legno sui portoni ..le case vuote …dove il tempo sembra essersi fermato.
Veramente bello ,poter godere di tanta bellezza!

Nella piazzetta principale vediamo la Chiesa di  Santa Caterina d’Alessandria, epoca bizantina, subisce un deciso ampliamento nel 1600,in suo stile è barocco ,custode di un grande patrimonio pittorico seicentesco, un organo a canne di grande bellezza ,coro ligneo ,acquasantiera marmorea, suppellettili e argenterie finissime. Nella cripta una serie di sepolture.

Numerosi gli edifici religiosi nel borgo e nella vallata. Nel Convento di Sant’Antonio  troviamo una Madonna col Bambino ,in marmo della bottega del Bernini del 1500 “Santa Patrona di Viggianello”.
L’ economia del borgo è prettamente agricola. Affonda le sue radici nella tradizione contadina anche la preparazione di succulenti piatti, i gustosissimi salumi di animali cresciuti in libertà, deliziosi formaggi e ricotte .Passeggiando nelle fiabesche faggete si trovano funghi ,fragoline di bosco, ,lamponi utilizzati per le marmellate.

In autunno si raccolgono nei castagneti tantissime castagne ,da gustare durante l’inverno davanti ai camini accesi ,questo avviene in tutti paesi del Più grande Parco Nazionale d’Italia “Il Pollino”.

A Viggianello ci sono dei riti particolari durante il corso dell’anno il ballo dei cirii e del falcetto, il primo è un rituale antichissimo legato al raccolto e alla fertilità dei campi e nel contempo le donne portando sul capo i cirii  …ballano fino allo sfinimento il ballo del falcetto al ritmo dei tamburelli e dell’organetto.
A pochi minuti dal borgo si è immersi in una natura incontaminata, gradevoli le passeggiate a cavallo e per chi è più temerario ed ama le arrampicate ..questo è il luogo ideale!!!

Passeggiando nel bosco vediamo il simbolo del Parco Nazionale del Pollino il Pino Loricato, un vero e proprio monumento arboreo.

SUGGESTIONE NO…MERAVIGLIOSA NATURA.........VI ASPETTO SUL POLLINO PER SCOPRIRE INSIEME DEI BORGHI MERAVIGLIOSI!
Perla del Pollino
- Ufficio Info:  Viale Gaetano Scorza -
- Sede Legale : Contrada Cutura n.2 -
 87016  - Morano Calabro - Cosenza
- P.Iva : 03431710783 -
e-mail : perladelpollino@hotmail.com
Creato da


Privacy Policy
Torna ai contenuti